La Chiesa Ortodossa Ucraina Patriarcato di Mosca nella guerra in Donbas

La Chiesa ortodossa russa è uno strumento del potere verticale della Russia, e la Chiesa Ortodossa Ucraina Patriarcato di Mosca è la sua filiale in ucraina. Sempre di più pressante in Ucraina la richiesta di vietare le attività della Chiesa ortodossa ucraina (del Patriarcato di Mosca), o almeno che venga definita con il suo “nome reale”, Chiesa ortodossa russa. Questa esigenza è manifestata non solo nelle regioni occidentali o al centro dell’Ucraina, ma anche a sud, a causa del fatto che i rappresentanti della COU PM sono dispersi in attività politiche distolti da quella che dovrebbe essere la loro missione naturale della cura delle anime.

Tali sentimenti sono stati accompagnati anche da gesti che hanno provocato più di una tensione nel paese,  le proteste contro la cappella costruita illegalmente alla fondazione della chiesa Desiatinnaia a Kiev, le bambole sotto le chiese della COU (Patriarcato di Mosca) a Zaporizhzhya,  l’incendio doloso delle cappelle  appartenenti alla COU (PM) a Leopoli e a Kiev nel 2017 e a febbraio di quest’anno (la scritta “FSB” sul muro della cappella incendiata in Ucraina non lascia dubbi è stata un’azione politica).

Inoltre emergono nuovi dettagli su come operavano i preti ortodossi, subordinati a Mosca nella Crimea occupata e nella parte occupata del Donbass, quando nascondevano “omini verdi educati” e consacravano le attrezzature militari ed equipaggiamento militare con i quali i mercenari russi e i militanti locali sparavano sui soldati e volontari ucraini a Ilovaysk e a Debaltsevo. Per questi motivi rimangono sempre meno parrocchiani a questa confessione in Ucraina.

Nella Crimea occupata. Il Metropolita della Chiesa ortodossa ucraina ( Patriarcato di Mosca) Platon benedice il sistema missilistico antiaereo russo S-400 “Triumph” il 14 gennaio 2017

 

Il sacerdote benedice il colonnello russo Igor Ghirkin (Strelkov), riconosciuto in Ucraina come terrorista che a quel periodo era uno dei leader del gruppo della “DNR”. Donetsk occupata, 10 luglio 2014

Per alcuni sacerdoti di questa confessione ortodossa la via d’uscita è stata quella di uscire dopo che l’amministrazione della chiesa è passata da leale all’Ucraina del metropolita Volodymyr al metropolita Onufriy, considerato il leader della linea pro-Mosca nella chiesa. Georgiy Kovalenko , l’ex presidente del Dipartimento dell’informazione e formazione sinodale della COU (PM), parla della sua scelta personale.

Georghiy Kovalenko

“Sapete nel 2014, c’era una questione di autoidentificazione in questa situazione difficile. Ad esempio, ho dichiarato pubblicamente che non sono un membro della COU (del Patriarcato di Mosca) – Appartengo alla Chiesa ortodossa ucraina. Questo è il modo in cui ci ha insegnato il nostro defunto Benedetto Metropolita Volodymyr. Per me, non c’è problema con il patriottismo, perché sono un cittadino del mio paese. Cosa è scritto sul nostro passaporto? Cittadino dell’Ucraina. Quindi sii un vero cittadino se sei un cristiano “

Alcune comunità religiose sono uscite dalla giurisdizione della Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca) con intere parrocchie.  Il problema era particolarmente grave nei primi due anni di aggressione russa – al Patriarcato della Chiesa Ortodossa Ucraina di Kyiv si sono trasferiti 70 parrocchie. A causa della legislazione irrisolta sulla proprietà delle comunità religiose, in molti luoghi questo processo non è stato privo di scontri, ma nella chiesa ortodossa del Patriarcato di Kyiv sono convinti che la violenza contro i templi o i sostenitori del Patriarcato di Mosca non è permessa.  Se singoli sacerdoti o fedeli della confessione violano la legge non è un motivo di violarla in risposta.

L’analista di Kyiv Igor Semyvolos osserva: tra i fedeli e i sacerdoti della COU (PM), così come nelle altre confessioni cristiane e in qualsiasi istituzione simile pubblica, ci sono opinioni diverse e punti di vista su ciò che sta accadendo in Ucraina. Inoltre, il funzionamento di qualsiasi confessione religiosa è limitata dalle tradizioni e dalle regole stabilite tanto tempo fa, cose che la rendono a volte fuori dal tempo presente.

Igor Semivolos

“Dobbiamo considerare che il patriarcato è ancora un’istituzione, in cui ci sono diversi punti di vista e diversi livelli di coscienza sociale e nazionale. Il conflitto esistente (tra i sacerdoti e la comunità) non può essere limitato solo alla presenza della guerra ucraina-russa. I conflitti religiosi nella loro natura sono più complessi, hanno sia una componente di ambizione personale che componenti derivate da regole e regolamenti religiosi, che erano più rilevanti durante il Medioevo rispetto ai tempi moderni”

Petro Poroshenko

Nonostante le differenze, peggiorate dopo l’inizio della guerra, ancora una gran parte di fedeli ucraini rimane con la Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca). All’amministrazione di questa chiesa nel contesto dell’attuale guerra dell’Ucraina con la Russia si rivolgono anche i politici. Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha recentemente incontrato Onufriy, il capo della COU-PM, e ha espresso la speranza che con l’aiuto di questa chiesa sarà possibile liberare i prigionieri politici ucraini che si trovano in Russia.

“Sarò molto felice dell’aiuto della Chiesa nella liberazione dei prigionieri politici nella Federazione Russa. Siamo anche pronti a fare passi decisivi per riportare le nostre ragazze e ragazzi a casa  , ha dichiarato Poroshenko in una riunione.

Il Presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko (a destra) durante un incontro con il capo della Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca) Onufriy in merito della questione del rilascio dei prigionieri ucraini detenuti dalle forze russe nella parte occupata del Donbass come i prigionieri ucraini in Russia e nella Crimea occupata. Kyiv, 20 gennaio 2018

La Chiesa ortodossa russa cerca di non perdere la sua influenza in Ucraina

Formalmente, i capi della Chiesa ortodossa ucraina (Patriarcato di Mosca) chiedono la pace e partecipano ai negoziati per la liberazione dei prigionieri ucraini nelle zone separate delle regioni di Donetsk e Lugansk, ma continuano anche a sostenere che ucraini e russi sono “una nazione” e la guerra all’Est è una guerra civile.

Da sinistra a destra: Ioannikiy (Kobzev), Metropolita di Lugansk e di Alchevsk della Chiesa ortodossa ucraina (Patriarcato di Mosca) e Igor Plotnitskiy, il leader del gruppo della “LNR”, riconosciuto in Ucraina terroristico. Lugansk occupato, 4 nov 2014

I tentativi dello Stato ucraino, attraverso l’adozione di leggi adeguate a fornire lo “statuto speciale” per le organizzazioni religiose, alcuni delle quali si trovano in un paese considerato l’aggressore, cioè la Russia, hanno provocato una reazione critica a Mosca.

Gli esperti ricordano che il Consiglio Episcopale, tenutosi a Mosca alla fine dello scorso anno, da un lato avrebbe riconosciuto che Kyiv è il centro della Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca) e dall’altro lato – al Consiglio contemporaneamente hanno fatto tali modifiche nello statuto della chiesa che limitano in modo significativo l’autonomia della COU (MP), autonomia che venne concessa all’inizio degli anni 1990 con un editto speciale del Patriarca di Mosca Alessio II.

Il vicepresidente dell’Associazione ucraina degli studi religiosi Lyudmila Filipovich spiega che “Tutte le decisioni della Chiesa ucraina dovranno ora ricevere una “benedizione”, ma in realtà si tratta dell’approvazione e del permesso di Mosca. Ad esempio, se il Consiglio Episcopale in Ucraina volesse eleggere un nuovo metropolita di Kiev (non sarà gradito a Mosca) non potrà farlo e alla fine riceverà un metropolita che soddisferà Mosca. Penso che la maggior parte capisca che la subordinazione a Mosca e la dipendenza da Mosca non dà autorità a questa chiesa “.

Il Capo della Chiesa Ortodossa Ucraina (Patriarcato di Mosca), Metropolita Onufriy (Berezovskiy) nella sua residenza di Kyivo-Pecerska Lavra. Sul muro un ritratto del Patriarca di Mosca Kiril, il capo della Chiesa ortodossa russa. Kyiv, 4 gennaio 2017

Al fine di garantire che la Chiesa ortodossa russa non perda la sua influenza in Ucraina, si stanno muovendo anche al Cremlino. Per proteggere gli interessi dell’ortodossia russa a gennaio Serghei Lavrov, il Ministro degli esteri della Russia ha chiesto alle strutture europee una reazione immediata alla “oppressione della Chiesa ortodossa ucraina” (del Patriarcato di Mosca).

Secondo il politico ucraino e studioso religioso Victor Jelenskiy , per la Russia è importante far credere che le persone in Ucraina vengano perseguitate per motivi religiosi.

“Per loro è uno strumento molto importante per screditare l’Ucraina. Il cosiddetto fronte della chiesa è stato a lungo considerato uno dei principali. In Ucraina è impossibile trovare una persona che viene perseguitata a causa per esempio esempio della lingua (parla il russo)  e quindi hanno deciso di utilizzare quello che chiamano il fattore ortodosso nel programma completo “

Allo stesso tempo, sottolinea l’esperto, i templi del patriarcato di Kyiv della COU vengono chiuse nei territori ucraini controllati dalla Russia, in Crimea e nel Donbass, perseguitano i musulmani di Crimea. Jelenskiy sottolinea che la Russia nel 2017 nella relazione della Commissione degli Stati Uniti sulla libertà di religione internazionale è entrata per la prima volta nella lista degli stati che non permettono la libertà religiosa.

Secondo l’esperto Igor Semyvolos la Russia ostacola il già difficile processo di formazione di un’unica Chiesa Ortodossa in Ucraina, ma prima o poi questa azione è destinata al successo, come è stato a suo tempo negli altri paesi ortodossi quando è maturata la situazione politica.

“Da una parte, vediamo un processo abbastanza logico, in Ucraina si sta verificando la formazione della chiesa nazionale ucraina, d’altra parte vediamo che questo processo si scontra con certe regole e contraddizioni che esistono nella gerarchia ecclesiastica. Cioè il processo sotterraneo è in contraddizione con i processi in superficie”

Comments

mood_bad
  • No comments yet.
  • chat
    Add a comment
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: